Mercatini di Natale In Trentino e Innsbruck

 Descrizione

Vieni a scoprire i Mercatini di Natale in Trentino: nelle città e nei borghi di montagna vivrai la magia del Natale.

   Date di partenza

  • Dal 1/12 al 4/12 2022
1 ° giorno

Partenza – Trento
Incontro dei partecipanti e partenza in pullman. Pranzo libero in viaggio. Arrivo a Trento.
Nel primo pomeriggio e tempo libero per visita ai mercatini. Città tipicamente mitteleuropea, punto d’incontro delle culture italiana e tedesca, Trento viene spesso definita come “la prima città italiana dopo il Brennero”. Proprio per questo motivo ha assorbito, nei secoli, tradizioni di entrambe le culture. La più importante e conosciuta è il Christkindlmarkt, le cui origini risalgono addirittura al secolo XIV in Germania con i cosiddetti “Mercatini di San Nicola”, che inizialmente erano l’unica occasione dell’anno per acquistare gli addobbi natalizi. I mercatini di Natale di Trento sono soprattutto per i golosi , ricchi di specialità gastronomiche trentine, dolci, salumi, grappe vini e piatti caldi. In serata, sistemazione in hotel cena e pernottamento.

2 ° giorno

Merano – Bolzano
Colazione e partenza per Merano, vivace cittadina dell’Alto Adige. Nelle strade e nei vicoli del centro, splendenti nelle loro decorazioni natalizie, le vetrine sottolineano la solennità della festa, le 70 bancarelle di questo mercatino, che nasce nel 1992, sono dislocate sulla Passeggiata Lungo Passirio, proprio lungo il mite fiume.
Proseguimento per Bolzano. La Piazza Walther ospita le caratteristiche casette in legno del “Christkindlmarkt”: addobbi in vetro, legno e ceramica; per circa un mese, l’atmosfera natalizia invade le strade e i vicoletti della città capoluogo dell’Alto Adige, immersa nel chiarore di romantici lumi e candele tremolanti, che per un momento l’avvolgono in una luce magica. In serata ritorno in hotel cena e pernottamento.

3 ° giorno

Innsbruck
Colazione e partenza per Innsbruck, intera giornata dedicata alla visita dei mercatini. Il Natale nel centro storico della città è tradizione, romanticismo e atmosfera. Le bancarelle del mercatino di Natale si fanno spazio fra le case medievali di fronte al Tettuccio d’oro. Buttatevi nella mischia e godetevi un vin-brulé o uno dei vari tipi di punch fumanti. Le 70 bancarelle sono una miniera inesauribile di addobbi per l’albero, opere d’artigianato artistico, prodotti in lana e altri regalini. Una piattaforma offre una magnifica vista panoramica sui tetti degli stand mentre la banda dei “fiati della torre” ci regala momenti magici con la sua musica natalizia tradizionale. Vale assolutamente la pena fare un giro nella Kiebachgasse, una stradina parallela alla Erzherzog-Friedrich-Straße. Questa strada si trasforma, a dicembre, in vicolo delle favole: ritroverete i personaggi delle favole più famose che dall’alto di facciate, balconi e cuspidi osservano i passanti. In serata ritorno in hotel, cena e pernottamento.

4 ° giorno

Levico Terme – ritorno
Colazione e partenza per Levico Terme, qui Mercatino di Natale ha il sapore di una favola antica che prende vita nel Parco Secolare degli Asburgo, un luogo incantato dove grandi e piccini potranno lasciarsi trasportare delle emozioni. Un viaggio tra l’eccellenza dei prodotti artigianali, tutto il gusto dei sapori di montagna, gli alberi secolari ricoperti da un mantello di luci, il profumo di spezie, vin brûlé e i sorrisi dei sapienti artigiani vi avvolgeranno. In tarda mattina partenza per il ritorno, con pranzo libero lungo il percorso.

Da scoprire:

Il vin brulè

Irrinunciabile e, ormai, presenza fissa dei tradizionali mercatini di Natale, è il famoso buonissimo vin brulè.
Il vin brulè riscalda dall’interno e sembra essere una buona medicina per delle serate fredde all’aperto come, per esempio, presso un mercatino di Natale. Ma non solo, porta anche allegria nel gruppo ed è perfetto per chi si vuole scaldare.
La bevanda si prepara semplicemente. Un buon vino rosso, cannella, chiodi di garofano, zucchero, cardamomo e alcune fette di limoni o arance non trattate. Il tutto viene riscaldato, ma attenzione, non portato ad ebollizione, poiché a 83° C l’alcool contenuto evaporerebbe e le spezie cambierebbero il loro sapore. Dopo ca. 5 minuti, togliere la pentola con il vin brulè dal fuoco. Attendete qualche minuto prima di servirlo.

Gattinoni Costa Point Touring Club Fai